Mammavadoadamsterdam

Frammenti di vita di un italiano ad Amsterdam

Se l’Italia assomigliasse all’Olanda

8 commenti

italia olanda paragoni

Prima o poi la paranoia dell’emigrante colpisce tutti quelli che si sono trasferiti all’estero. Puoi trovarti bene quanto vuoi nella tua nuova nazione, ma ti guardi intorno cercando di capire cos’abbiamo in meno noi di loro e trovi solo cose “in più”. Almeno una volta quindi scatta nel cervello la tentazione di pensare come sarebbe se l’Italia fosse un Paese all’avanguardia. Se non avesse i miliardi di difetti e problemi che conosciamo bene. Se l’Italia assomigliasse all’Olanda (o a una qualsiasi nazione meno in coma di noi) e ne prendesse solo i pregi.

Se l’Italia assomigliasse all’Olanda il Mose a Venezia sarebbe stato costruito cinquant’anni fa, Roma sarebbe la città più visitata del mondo, Milano la capitale mondiale della moda, i premi Nobel sarebbero assegnati a Firenze invece che a Stoccolma. Taranto sarebbe il porto più importante del Mediterraneo e nel parco dove una volta c’era l’ILVA l’unico fumo a salire in cielo sarebbe quello delle canne accese al termine di un rapporto sessuale.

Se l’Italia assomigliasse all’Olanda a partire sarebbero gli altri, attirati dal nostro splendore culturale, artistico, paesaggistico e gastronomico. Sarebbe solo l’atto di riprendersi il posto che da sempre ci spetta nel mondo. Pensate a quanto doveva essere figo emigrare in Italia durante il Rinascimento. Avanguardia mondiale di arte e cultura e quindi polo attrattivo delle migliori menti del pianeta. Senza andare indietro di secoli, basta pensare al mito della Dolce Vita, delle Vacanze Romane e della Vespa. Cinquant’anni fa. Sembrano anni luce.

Al di là della scena super inflazionata, cercate di cogliere la spensieratezza che si respira a pieni polmoni e che permea molti film italiani di quegli anni. La mia generazione ha avuto la fortuna di non vivere l’esperienza della guerra, ma ci siamo persi anche il dopoguerra e la voglia di futuro, da immaginare migliore e non come un cielo nuvoloso che si avvicina. Voi l’avete mai fatto?

Se l’Italia assomigliasse all’Olanda le nostre città avrebbero la comunità di expat che togliendo gli Erasmus manca completamente da noi. In posti come Berlino, Amsterdam, Londra, ma anche Parigi, Barcellona, Cork, Marsiglia e Praga gli expat sono parte integrante della cultura e dell’economia cittadina, portando linfa importante e qualificata alle aziende, allo sviluppo culturale e facendo crescere i consumi. Potremmo definirla immigrazione d’elite. Quella che in Italia manca completamente, visto che per un laureato straniero siamo appetibili come una peperonata a colazione.

Se l’Italia assomigliasse all’Olanda un gruppo di deputati che occupa un Tribunale per attaccare i giudici e difendere un presunto perseguitato sarebbe stato vilipeso dall’opinione pubblica intera e probabilmente preso a calci in culo direttamente dalla regina. La cara Beatrix che a 75 anni ha rassegnato le dimissioni per consegnarsi ad una serena pensione, indicando la strada anche all'(ex) Papa Ratzinger, secondo me si sarebbe divertita moltissimo. Alcuni di quegli occupanti sono personaggi che da noi invadono le tv facendo rimbalzare le loro opinioni ben al di là del loro valore. In Olanda un Giovanardi qualsiasi predicherebbe in mezzo alla strada come lo scemo del paese.

Come sarebbe bello se l’Italia assomigliasse all’Olanda o semplicemente a sé stessa, togliendosi allo specchio quella patina di sporco che le ricopre il viso con un batuffolo d’ovatta.

E voi? Che ne pensate? Aspetto i vostri commenti qui su WordPress, su Facebook e su Twitter con l’hashtag #selitaliafosselolanda

Annunci

Autore: Angelo

Cambiare vita e trasferirsi ad Amsterdam. Si può fare, non solo ad occhi chiusi. Su queste pagine cerco di restituire un po' di quello che vivo nella capitale olandese.

8 thoughts on “Se l’Italia assomigliasse all’Olanda

  1. Arrivata per caso e ……. commossa per convinzione!! Expat da piccolina ho scelto di essere italiana al 100% ma poi cresco i figli bilingue e progetto una desiderata quanto ormai purtroppo necessaria fuga. Sarai il mio pane quotidiano ……. (alias ti romperò fino allo sfinimento! 😉 )
    Il tuo stile, oltre che il tuo punto di vista mi piacciono molto.
    ciao
    francesca

  2. Mi piace questa visione…. Soprattutto l’accenno ai favolosi anni ’60 o ’50 ripresi egregiamente da Fellini, Rossellini e in parte da Pasolini. Secondo me lì c’era un vero e sincero entusiasmo. Voglia di vivere, di fare, di lavorare, di rimboccarsi le maniche. Di sognare e realizzare i sogni con le proprie mani. Ora viviamo uno squallore senza precedenti che viene voglia solo di turarsi il naso. Ciao e buona prosecuzione. Stefano.

  3. Grazie di aver messo giu’ tutto quello che pensiamo tutti noi che abbiamo scelto di allontanarci temporaneamnete da casa.
    Parlavo di questa stessa cosa con mia sorella sorella sabato, sedute per un caffe’su Rokin. La mia speranza sta nel “temporaneamete”. Grazie per i tuoi articoli.

    Elena

  4. Il pensiero di Ronz è la sintesi perfetta di quello che vuoi dire….Genio per averlo citato 🙂 GENIO…:-)

  5. Angelo hai fatto centro! L’artiolo mi ha galvanizzato, commosso, fatto sorridere! Sei veramente un grande!

  6. “Se l’Italia assomigliasse all’Olanda il Mose a Venezia sarebbe stato costruito cinquant’anni fa(VERO, ma è anche Vero che il Mose come progetto fa pietà quindi si sarebbero inventati qualcosa di meglio), Roma sarebbe la città più visitata del mondo, Milano la capitale mondiale della moda, i premi Nobel sarebbero assegnati a Firenze invece che a Stoccolma. Taranto sarebbe il porto più importante del Mediterraneo e nel parco dove una volta c’era l’ILVA l’unico fumo a salire in cielo sarebbe quello delle canne accese al termine di un rapporto sessuale (Su questo non nè sarei molto sicuro http://www.economist.com/node/21546053).
    Per quanto riguarda la questione expat di lusso, hai ragione, da noi non ci sono, forse perchè da noi non c’è manco il lavoro e una parvenza di Inglese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...