Mammavadoadamsterdam

Frammenti di vita di un italiano ad Amsterdam

La Noord-Zuidlijn, ovvero la Salerno-Reggio Calabria di Amsterdam

4 commenti

NoordZuidlijn

Se siete già venuti qualche volta ad Amsterdam avrete notato che in città i lavori stradali sono all’ordine del giorno. In molti posti troverete infatti interruzioni e cantieri. Spesso si tratta dei lavori di rifacimento degli argini di un canale, altre volte della risistemazione del manto stradale e dei marciapiedi che facilmente si deteriorano a causa del sottosuolo sabbioso in costante movimento. Tuttavia forse avrete notato che ci sono dei cantieri aperti da qualche anno e che sembrano essere lì da sempre. In particolare alla stazione centrale e sulla centralissima Rokin. Si tratta dei lavori per la costruzione della controversa linea Nord-Sud della metropolitana.

A differenza di molte città del mondo, ad Amsterdam raramente vi capiterà di prendere la metropolitana. Attualmente infatti le linee della metro coprono quasi solo l’asse dalla stazione verso Sud-Est, per cui se siete in vacanza in città la metro vi può servire solo per andare all’Amsterdam Arena. Nonostante gli efficientissimi tram coprano molto bene tutta la città, nell’ormai lontano 1996 l’amministrazione comunale ed il governo olandese decisero di varare il faraonico progetto di una nuova linea per collegare il quartiere di Amsterdam Noord con la parte Sud della città. Non l’avessero mai fatto. Nel corso degli anni infatti il progetto si è dimostrato a dir poco fallimentare e chi prese la decisione di avallarlo se n’è pentito come neanche Buscetta quando si consegnò a Falcone.

“Il mio caimano nero piangendo mi confidò… che non approvava il progetto del metrò”

La linea Noord-Zuid prevede il passaggio al di sotto dell’IJ, il “fiume” o meglio la baia che separa le due parti della città e lo scavo di un tunnel lungo 7 km fra le fondamenta della parte più antica di Amsterdam, quella che potremmo chiamare il “centro storico”. Proprio in mezzo ai pilastri dei palazzi del XVI secolo che rendono unica questa città e che poggiano nel sottosuolo di sabbia e fango. Non il massimo della stabilità dunque.

Nonostante gli ingegneri olandesi siano da sempre fra i più bravi e arditi al mondo (la storia di Amsterdam e dell’Olanda intera lo dimostra) il progetto, è proprio il caso di dirlo, fa acqua da tutte le parti. Nel corso degli anni i costi di realizzazione sono lievitati dagli 1,3 miliardi di euro previsti in fase preventiva ai 3 miliardi attualmente messi in conto, tanto che nel 2008 il quotidiano Het Parool non esitò a definire l’opera “un pozzo senza fondo”. Quanto ai tempi di realizzazione siamo quasi ai livelli dei peggiori sprechi italiani: la linea era stata pensata per essere operativa nel 2005, le stime attuali indicano il 2018 (duemiladiciotto!) come data probabile dell’entrata in funzione. Come se ciò non bastasse in questi undici anni di lavori si sono avvicendate cause nei confronti delle ditte appaltatrici e soprattutto, nonostante le rassicurazioni dei politici, alcuni dei palazzi lungo il percorso hanno pericolosamente iniziato ad inclinarsi.

Vizelgracht Amsterdam metro

E’ successo su Vijzelgracht, dove i cantieri per la costruzione dell’omonima fermata fanno ancora brutta mostra di sè. Nel 2008 venti famiglie sono state costrette ad evacuare le loro abitazioni a causa delle crepe che si erano formate su alcuni muri. Da allora l’intera strada è sorvegliata da un complicato sistema di raggi infrarossi e specchi che monitorano ogni spostamento dei palazzi. Un disastro insomma e non solo economico.

Vijzelgracht metrola metropolitana 005 [640x480]

Per ovviare al totale disastro di consenso (la linea Noord-Zuid era ormai diventata una vera e propria vergogna nazionale, una sorta di SA-RC olandese) dal 2009 il comitato esecutivo dei lavori ha scelto di puntare tutto sulla comunicazione. Nei pressi della stazione centrale è stato aperto un punto informativo che spiega tutto sul progetto e sull’estrema difficoltà di realizzazione dello stesso, trasformando le debolezze in opportunità come nella migliore delle matrici SWOT. C’è ovviamente anche un sito dedicato con tutte le informazioni possibili e non si tralasciano neanche i social network: su Facebook ad esempio ogni (futura) stazione ha una pagina dedicata dove il relativo capo dei lavori risponde alle curiosità dei fan ed ogni nuovo target raggiunto viene celebrato. Dal mercoledì alla domenica, dalle 13 alle 18 è possibile visitare il cantiere della stazione Rokin a 26 metri di profondità (se proprio non avete un cazzo da fare durante la vostra visita ad Amsterdam).

Ciliegina sulla torta: nel 2012, sempre nel cantiere della stazione Rokin, è stato organizzato un mega festone sottoterra, giusto per essere veramente “underground”. Insomma, questi olandesi soprattutto quando si tratta di divertirsi ne sanno una più del diavolo. Ve lo immaginate voi un mega party con musica techno al casello di Pizzo Calabro? Io no.

Annunci

Autore: Angelo

Cambiare vita e trasferirsi ad Amsterdam. Si può fare, non solo ad occhi chiusi. Su queste pagine cerco di restituire un po' di quello che vivo nella capitale olandese.

4 thoughts on “La Noord-Zuidlijn, ovvero la Salerno-Reggio Calabria di Amsterdam

  1. Gran post. Ed il paragone con la Salerno – Reggio Calabria calza a pennello!

  2. Bellissimo blog, scoperto purtroppo solo qualche giorno fa, è davvero bello leggere le riflessioni di un connazionale che vive nella splendida amsterdam.
    mi piace il tuo modo di scrivere, ironico ma serio allo stesso tempo.
    I miei migliori auguri lavorativi, e buona giornata!

    Lorenzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...