Mammavadoadamsterdam

Frammenti di vita di un italiano ad Amsterdam


9 commenti

QUELLO CHE I TURISTI NON VEDONO: Nostro Signore in soffitta

Nostro Signore in soffitta

Photo © Holly Hayes.

Chissà quante volte siete passati davanti al civico 40 di Oudezijds Voorburgwal senza prestare la minima attenzione all’ingresso che si vede in foto. Nè aiuta molto la bandierina MUSEUM che sventola avanti alla porta. Facilmente etichettabile come una fra le tante, troppe “attrazioni turistiche” (le virgolette sono d’obbligo) del centro di Amsterdam. Là, in quel portone, una chiesa clandestina costruita alla fine del Seicento continua a svolgere egregiamente il suo compito di mimetizzarsi fra le case del centro. Che ci fa una chiesa clandestina Ad Amsterdam? Dove tutti sono sempre stati liberi di esprimere le proprie opinioni. Continua a leggere


9 commenti

A volte ritornano… ad Amsterdam

a volte ritornano ad Amsterdam

L’estate sta finendo cantavano i Righeira, proiettando le peggiori paranoie da studente su noi nati fra la fine degli anni ’70 e i primi ’80. Tempi in cui gli occhiali a specchio colorati erano uno status symbol vero, non il feticcio del momento che ho visto sulle spiagge pugliesi fino a qualche giorno fa. Continua a leggere


5 commenti

La sindrome di Forrest Gump

forrest-gump-Turi

Dovete sapere che nel mio esaltato feticismo dei gusti musicali e cinematografici Forrest Gump occupa un ruolo speciale. Certo, si tratta di una scelta facile e banale. Di solito piace a tutti ed è molto popolare come film. Nessuna chicca da intenditore come quelle che piacciono a me. Eppure Forrest Gump mi è sempre piaciuto moltissimo. Cos’è che lo rende speciale? Il fatto che Forrest riesca ad ottenere una vita straordinaria pur partendo da una condizione intellettiva inferiore alla media. E’ un film ma la realtà è spesso più bizzarra della finzione. Continua a leggere


Lascia un commento

Johan Cruijff: da Betondorp all’olimpo del calcio

cruijff_olanda_0021

Noi italiani siamo sempre così passionali e faziosi che soprattutto quando si parla di calcio non abbiamo dei veri e propri miti condivisi universalmente. Ci sono pochissimi personaggi che tendono a mettere d’accordo tutti e spesso sono stati anche bistrattati, vedi Baggio e Maldini. Gli olandesi invece, anche se adorano parlare dei bei tempi di Gullit-Van Basten-Rijkaard, non hanno assolutamente dubbi su chi sia l’eroe nazionale in fatto di pallone: Johan Cruijff.

Sarà il ricordo che addolcisce la realtà o forse semplicemente la storia di Cruijff è troppo bella e significativa per essere dimenticata. E’ il racconto di un ragazzo nato e cresciuto nell’estrema periferia di Amsterdam, diventato uno dei più forti calciatori di tutti i tempi. Continua a leggere


1 Commento

VIVERE AD AMSTERDAM: L’importanza degli sport da bar

Table football Amsterdam pubs

Ad Amsterdam molti, moltissimi locali mettono a disposizione un calcio balilla o un biliardo per lo svago dei propri clienti, spesso anche nel corso di affollatissime serate danzanti. E’ facile quindi ritrovarsi a strettissimo contatto con provetti giocatori di biliardo che devono tirare passando la stecca proprio a un centimetro dalla tua cornea, mentre da dietro la cameriera piena di birre ti fa pressione per spostarti in una direzione qualsiasi, magari evaporare, per favorire il suo passaggio. E’ una sensazione che ancora una volta vi ricorderà quant’è difficile ritagliarsi uno spazio in questa città in cui il rischio di misantropia è sempre dietro l’angolo. Continua a leggere


8 commenti

Un po’ Grande Fratello, un po’ CSI: le strane politiche di selezione del personale in Olanda

colloquio HR olandesi

Se state pensando di trasferirvi ad Amsterdam e avete intenzione di fare un “lavoro d’ufficio”, tenetevi pronti ad entrare nel tritacarne delle maledette HR olandesi. E se non sapete cosa siano le HR allora e’ meglio se ci pensate due volte prima di trasferirvi. Continua a leggere


Lascia un commento

The Dam square shooting o La strage di piazza Dam

Dam square kiosk

Oggi vi racconto una storia triste, di quelle che pero’ bisogna conoscere. Per capire il presente. Per non dimenticare. Se siete venuti ad Amsterdam durante questo pessimo mese di maggio del 2013 forse nel caos perpetuo di piazza Dam avrete notato due strani chioschi montati sul lato dell’obelisco. Continua a leggere